L’innovazione non può aspettare: prendi la strada più veloce verso il cloud

L’INFRASTRUTTURA LEGACY È IN GRADO DI PORTARTI IL CLOUD

L’infrastruttura del datacenter e il modo in cui fornisce risorse all’azienda sono elementi fondamentali della tua strategia di modernizzazione IT. Le infrastrutture legacy a tre livelli sono difficili da scalare, ostacolano l’agilità e la flessibilità, e la loro espansione è molto dispendiosa in termini di tempo e di risorse. Dover impiegare settimane o mesi per modificare la tecnologia o abilitare infrastrutture per soddisfare le nuove esigenze aziendali non è più sostenibile da parte delle imprese, e infatti sempre più aziende adottano soluzioni di cloud pubblico per risolvere questo genere di problema.

Ma nonostante tutti i vantaggi del cloud pubblico, i dubbi sui costi, la località dei dati, le limitazioni normative, la sicurezza e il data recovery sono tantissimi. Il dilemma fondamentale è se continuare a investire sui datacenter aziendali o se indirizzare tutti gli investimenti futuri verso i cloud pubblici.

MODERNIZZARE CON L’ARCHITETTURA WEB-SCALE

La strada da percorrere è più chiara di quanto si pensi. Con la sua architettura web-scale, l’infrastruttura iperconvergente (HCI) si è dimostrata la scelta migliore per la modernizzazione delle infrastrutture IT. Il termine ‘web-scale’ riguarda il livello di velocità e scalabilità dell’implementazione e della gestione della tua infrastruttura, che semplifica il provisioning delle risorse necessarie a tutti gli stakeholder coinvolti. Progettata per il cloud privato e ibrido, l’HCI permette alle organizzazioni IT di standardizzare i sistemi e gli spazi di archiviazione grazie a un’infrastruttura di storage definita dal software che è più semplice da implementare, gestire e scalare man mano che le esigenze aziendali crescono, senza comunque sacrificare l’affidabilità e la sicurezza. L’HCI permette all’IT di industrializzare la consegna di applicazioni, dati e servizi all’azienda al momento giusto con prestazioni migliori e costi inferiori.

COSTRUIRE INTERNAMENTE IL TUO CLOUD CON NUTANIX

I cloud pubblici sono rapidi nell’attivare i servizi – ma la conformità dei dati, le necessità in fatto di prestazioni e i requisiti di data locality impongono che i dati, le applicazioni e i servizi IT siano offerti internamente dall’azienda. Portare il cloud all’interno dell’azienda significa offrire servizi basati sul cloud da un’infrastruttura IT dedicata, dalla tua infrastruttura privata.

La soluzione Nutanix Private Cloud si basa sul software HCI leader del settore utilizzato dai cloud pubblici leader del mercato. Nutanix Private Cloud supporta tutti i carichi di lavoro business-critical per l’end-user computing, la gestione di database, lo sviluppo e il testing, l’analisi dei big data e molto altro ancora, e fornisce applicazioni e dati su qualsiasi scala con provisioning, aggiornamenti e disaster recovery semplici e one-click.

PROGETTATO PER IL CLOUD

Nutanix offre un software di infrastruttura progettato per offrire servizi cloud altamente scalabili, disponibili ed efficienti per supportare i moderni datacenter. Uniamo la disponibilità e l’agilità del cloud pubblico con la flessibilità e la sicurezza del cloud privato, tutto in un’unica soluzione.
La piattaforma software infrastrutturale di Nutanix è progettata per essere:

  • Semplice: l’implementazione, gli aggiornamenti e il DR one-click rendono la gestione del ciclo di vita davvero semplice
  • Intelligente: l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico adattivo integrati regolano automaticamente le risorse per ottimizzare le prestazioni e l’utilizzo. Un’infrastruttura pronta per il futuro offre una maggiore efficienza per semplificare ulteriormente l’IT
  • Resiliente: elimina le perdite di dati o i downtime. Mantieni la tua azienda attiva e i tuoi dati al sicuro con sicurezza, protezione dei dati, backup e disaster recovery integrati

Contattaci per saperne di più

    Privacy
    Ho letto l'informativa sul trattamento dei dati e acconsento al trattamento

    Voglio iscrivermi alla newsletter